Il primo lampo di una magnetar?

UNA KILONOVA PIUTTOSTO LUMINOSA POTREBBE AVERNE SEGNATO LA NASCITA

magnetar

Cosa accade quando due stelle di neutroni si scontrano? Un paio di cose le sappiamo già: si produce un’onda gravitazionale e si verifica un’immane esplosione, di potenza circa mille volte superiore a una nova classica, detta kilonova

Durante l’esplosione si formano elementi pesanti, tra cui l’oro, ma non è chiaro quale sia il destino degli oggetti coinvolti nella collisione. Secondo il modello prevalente, dovrebbe formarsi un buco nero, intorno a tre masse solari, secondo altri si formerebbe una stella di neutroni insolitamente massiccia, come alcune già individuate. 

Le osservazioni del telescopio spaziale Hubble sembrano indicare che questa collisione potrebbe tradursi nella formazione di un oggetto alquanto esotico: una magnetar.

magnetar

Kilonova e nuovi studi

A questa conclusione è giunta una recente ricerca basata sulle osservazioni di un’esplosione di kilonova registrata il 22 maggio 2020. Esplosione accompagnata da un’intensa e breve esplosione di raggi gamma (Grb), rilevata dal satellite Swift della Nasa.

Al Grb è seguito un afterglow (“bagliore residuo”), osservato da Hubble e da molti osservatori ottici.

Già da qualche tempo si sospetta che i Grb brevi siano prodotti dalla collisione tra stelle di neutroni, cioè il residuo compatto e massiccio (diametro intorno ai 10 km) di stelle di grande massa esplose come supernove.

Una kilonova continua a brillare per qualche tempo a causa del decadimento radioattivo degli elementi pesanti che si sono formati durante l’evento.

Nello specifico, Hubble ha registrato l’emissione infrarossa della kilonova associata all’evento gamma del 22 maggio, riscontrando che essa era almeno dieci volte più intensa del previsto.

Secondo il gruppo che ha studiato questo transiente, guidato dall’astronoma Wen-fai Fong, l’anomalia può essere spiegata chiamando in causa qualcosa che abbia pompato energia nel resto gassoso dell’esplosione.

Potrebbe trattarsi proprio di una magnetar, una stella di neutroni con un campo magnetico enormemente più intenso che in una ordinaria. 

Iscriviti alla newsletter

Email: accetto non accetto
Informazioni su Giuseppe Donatiello 353 Articoli
Nato nel 1967, astrofilo da sempre. Interessato a tutti gli aspetti dell'astronomia, ha maturato una predilezione per il deep-sky, in particolare verso i temi riguardanti il Gruppo Locale e l'Universo Locale. Partecipa allo studio dei flussi stellari in galassie simili alla Via Lattea mediante tecniche di deep-imaging. Ha scoperto sei galassie nane vicine: Donatiello I (2016), Donatiello II, III e IV nel sistema di NGC 253 (2020), Pisces VII (2020) e Pegasus V (2021) nel sistema di M31. Astrofotografo e autore di centinaia di articoli, alcuni con revisione paritaria.